esercizi per allungare pene

Come allungare il pene? I migliori esercizi

Allungare il pene è un sogno che può diventare realtà grazie a degli esercizi mirati da eseguire con costanza giornaliera.
La zona pelvica è infatti ricca di muscoli che, come tutti quelli del resto del corpo, ha bisogno di allenamento per dare il meglio di sé.
Possono servire sia per l’uomo, la cui autostima impennerà, sia per la donna, poiché ne trarrà immediati benefici durante i momenti intimi.

Si chiamano esercizi di Kegel e Jelqing, sono dei veri e propri esercizi di stretching che sono davvero in grado di far ottenere dei risultati concreti, ma richiedono un’adeguata preparazione.
I suddetti rappresentano una strategia sana e senza controindicazioni per ottenere il pene dei propri sogni.

Esercizi per allungare il pene

esercizi allungare pene
Utilizzare innanzitutto un lubrificante a base acquosa per non irritare la delicata pelle dei genitali; stare quindi lontani da saponi e vaselina, in quanto pieni di sostanze chimiche.

Esercizi di Kegel per allungare il pene

Questi esercizi, oltre a far allungare il pene, hanno anche la capacità di prevenire disturbi come la contenzione urinaria, dolori pelvici e disturbi sessuali.
È consigliato rivolgersi al proprio medico, che saprà indicare quelli più adatti alle proprie esigenze.

Uno dei più famosi e semplici da svolgere consiste nella contrazione del muscolo pubococcigeo: prima di iniziarlo accertarsi che la vescica sia completamente vuota, immaginare poi di dover urinare e bloccarne improvvisamente il flusso. Contrarre i muscoli per 5-10 secondi e rilasciarli in egual tempo.
Ripetere per 10 volte ed eseguire questo esercizio tre volte al giorno nella posizione desiderata: sdraiata, in piedi o seduta.

Man mano che la zona pelvica si allena è possibile aumentare la dose.
Alcuni svolgono gli esercizi di Kegel mentre guidano, sono in ufficio o si stanno masturbando/facendo sesso.
Appena si avvertono sensazioni di dolore/fastidio interrompere l’allenamento, in quanto il corpo sta mandando segnali di stanchezza.

Esercizi di Jelqing per allungare il pene

Gli esercizi di Jelqing sono conosciuti anche come la mungitura del pene per via dei movimenti da compiere durante il loro svolgimento che ne ricordano molto il gesto. Ecco come svolgerli:

Riscaldamento muscolare: è essenziale prima di iniziare gli esercizi per evitare strappi e dolori.

– Posizione della mano: stringere il pene tra il pollice (bisogna formare un OK intorno all’organo) e l’indice premendo molto forte.

– Percorso: spostare la pelle dalla base destra del pene fino al principio del glande, cercando di non raggiungere l’erezione totale ma lo stato di semi-erezione, durante il quale è possibile ottenere il massimo dei risultati
Il movimento deve essere deciso ma non irruento.

– Frequenza mosse: l’esercizio deve avere una durata di 20 minuti e ogni mossa deve essere eseguita ogni 2 secondi per 10 volte.
Lasciar riposare il pene qualche secondo dopo qualche secondo.

– Massaggio: al termine di ogni sessione di stretching praticare un massaggio rilassante.

– Ripetizioni: man mano che il pene si allena, le ripetizioni da svolgere sono: 100 jelqing giornalieri durante la prima settimana, dai 100 ai 200 durante la seconda e dai 200 ai 300 dalle tre in avanti.

Alimentazione per allungare il pene: quali cibi mangiare?

Un ottimo catalizzatore dell’allungamento del pene è anche l’alimentazione, in quanto esistono dei cibi che favoriscono la circolazione sanguigna come cioccolato fondente, mela, broccoli, spinaci, peperoncino rosso, mandarino, mirtilli, fragole e arance.
Ricordarsi inoltre di bere molta acqua, svolgere regolare attività fisica e di ridurre il consumo di tabacco.

Allungare il pene: cosa NON fare

Per allungare il pene in maniera corretta, vi sono dei rimedi e comportamenti dai quali è bene stare alla larga, tra cui:

– Utilizzare dei pesi: non è scientificamente provato che apportino dei benefici, ma è certo che sono molto dolorosi e causano solamente delle lesioni all’apparato genitale se non addirittura impotenza temporanea;

– Ricorrere alla chirurgia plastica: è un rimedio estremamente drastico e rischioso, in quanto può causare sanguinamento costante, gonfiore, insensibilità e disfunzione erettile. Meglio ricorrervi solo in caso di gravi patologie;

– Rimedi di dubbia provenienza: in commercio esistono numerose prodotti per allungare il pene, ma se non riesci a capire cosa contengono non fidarti!
Acquista solo prodotti certificati e dei quali puoi leggere la composizione;

Non strafare: se si eseguono gli esercizi di Kegel o Jelqing è importante allenare i muscoli pelvici in modo progressivo e non avere fretta;

allungamento del pene
Misurare il proprio pene in continuazione: questo comportamento causa solamente inutili paranoie;

Pretendere miracoli: anche se si eseguono correttamente gli esercizi di stretching, è bene non aspettarsi miracoli o cambiamenti repentini del proprio membro;

– Credere che l’allungamento del pene faccia diventare dei machi: un pene delle dimensioni desiderate aiuta sicuramente a piacersi di più, ma la buona riuscita di una performance sessuale dipende soprattutto dall’atmosfera che si crea con la partner;

– Invidiare in modo esagerato le dimensioni degli altri peni: i confronti non fanno altro che farvi sentire sminuiti e inadeguati. Se proprio desiderate ingrandire il vostro pene, fate gli esercizi indicati sopra e utilizzate un buon prodotto come Caesar Big Power. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *